Violenza e verità. Libertà religiosa, crisi della democrazia, ruolo dei cristiani - Teresa Bartolomei - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Violenza e verità. Libertà religiosa, crisi della democrazia, ruolo dei cristiani

novitàdigital Violenza e verità. Libertà religiosa, crisi della democrazia,
ruolo dei cristiani
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 3
titolo Violenza e verità. Libertà religiosa, crisi della democrazia, ruolo dei cristiani
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2021
issn 666666RIVISTACLERO (stampa)
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

La libertà religiosa (il cui principio costituisce una delle acquisizioni più significative del rinnovamento conciliare, sancita dalla dichiarazione Dignitatis Humanae) oggi è fortemente minacciata non solo in Paesi non democratici (si pensi al Medio Oriente, a Myanmar, alla Cina e a molti altri luoghi), ma anche alle nazioni di tradizione democratica. L’articolo di Teresa Bartolomei (docente alla Facoltà di Teologia presso l’Università Cattolica di Lisbona) mette infatti in evidenza che il principio della libertà religiosa in alcune nazioni occidentali viene usato come strumento di affermazione di soggetti politici che talvolta si avvalgono del sostegno religioso per realizzare disegni egemonici coercitivi. Si vengono così a verificare scenari di polarizzazione politica e sociale divisiva, come accaduto di recente negli Stati Uniti, dove il pluralismo da ricchezza di integrazione sociale dei diversi diventa terreno di scontro. L’Autrice mostra come in tal modo i valori cristiani vengono pervertiti nel loro contrario: verità e violenza sono radicalmente alternative. Dobbiamo tenerlo ben presente quando si rischia di offrire «il proprio capitale spirituale in cambio di garanzie materiali per gli interessi della comunità ecclesiale e della promessa della tutela legislativa di una griglia di valori (che privilegiano invariabilmente le questioni bioetiche e di genere a scapito di quelle relative alla giustizia e alla solidarietà)».