LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 12 - autori-vari - Vita e Pensiero - Fascicolo digitale Rivista del Clero Vita e Pensiero

LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 12

digital LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 12
Fascicolo digitale
Rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
Fascicolo 12 - 2021
Titolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 12
Editore Vita e Pensiero
Formato Fascicolo digitale | Pdf

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Ultimo fascicolo del 2021

SOMMARIO

Teologia e ministero. Sull’apporto della teologia alla formazione del presbitero
di Giacomo Canobbio pagine: 18 € 3,60
Abstract
Al di là delle proclamazioni di principio, sembra sempre più evidente come nei seminari la formazione culturale venga trattata con minor considerazione rispetto a quella spirituale e pastorale. Mons. Giacomo Canobbio, noto teologo e  docente di Teologia dogmatica presso la Facoltà teologica di Milano, propone una articolata difesa della necessità di seri studi teologici per una adeguata formazione dei presbiteri e in vista di un ministero che, come suo specifico, comporta per tutti l’annuncio della parola e più in generale l’educazione alla fede e la sua mediazione culturale. La proposta dell’autore non mira a far diventare teologi tutti gli studenti di teologia del seminario. Mostra piuttosto con  grande puntiglio fenomenologico che senza uno studio adeguato della teologia non si è in grado di svolgere il ministero di pastore con la necessaria competenza: «Studio della teologia come panacea di tutti i problemi di preparazione  al ministero ordinato? Piuttosto come aiuto a un esercizio serio del ministero che voglia essere servizio alla fede sia come fides qua che come fides quae».
La luce e la voce. La coscienza del credente secondo J.H. Newman
di Duilio Albarello pagine: 10 € 3,60
Abstract
A fronte di una crescente concezione autoreferenziale della coscienza individuale, Duilio Albarello, presbitero della diocesi di Mondovì, docente di Teologia fondamentale presso la Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale e Direttore  dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose a Fossano, ripropone i temi essenziali dell’autorevole e profonda meditazione sul tema della coscienza elaborata da John Henry Newman nel secolo scorso. Nonostante l’inevitabile parzialità  di un approccio che, per comprensibili ragioni storiche, in qualche momento può apparire persino ingenuo, l’autore riconosce a quel pensiero il merito di ricordare l’attualità di «una grande sfida, che ha sempre accompagnato la Chiesa, ma che tanto più oggi è diventata una priorità: ossia la sfida di formare le coscienze, di avviare percorsi che siano in grado di generare e far crescere una fede davvero adulta, cioè davvero consapevole e responsabile».
L’eterno in immagine? Nota su virtuale e liturgia
di Roberto Diodato pagine: 13 € 3,60
Abstract
In linea di continuità con l’intervento di don Giuliano Zanchi, Direttore della Rivista, sul numero dello scorso febbraio, Roberto Diodato, docente di Estetica e filosofia dell’esperienza estetica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, affronta alcune questioni teoriche emerse in quelle prassi che, nel tempo della pandemia, hanno visto le nostre liturgie intrecciarsi con il mezzo della loro rappresentazione tecnologica. Quel vissuto, che ha lasciato in eredità molte delle sue pratiche, porta con sé molti interrogativi. Essi convergono in particolare sullo statuto e sulla funzione della mediazione tecnica e visiva. È possibile vivere ‘in immagine’ quell’evento in cui «il tempo cronologico e lo spazio divisibile diventano parte dell’eterno e dell’indivisibile»? Per rispondere a questa domanda, e a molte altre che essa suppone, occorre mettere a tema la questione della percezione della realtà che le nuove tecnologie hanno  trasformato in profondità. Roberto Diodato prova nel suo contributo a fare da guida esperta in questo mondo nuovo per tutti. Si tratta di comprendere i media e la loro logica, entrando nella persuasione che essi non sono soltanto  strumenti neutri, ma un «nuovo modo di essere vivi». Un percorso non semplice ma necessario per mettere a punto una nozione di ‘immagine’ «quale potenza ontologica espressiva», capace di essere «simbolo di un accadere possibile dell’Altro in mezzo a noi», fruibile quindi dalla liturgia.
Fratelli tutti e il cammino sinodale in Italia. Due proposte, una prospettiva comune
di Federico Badiali pagine: 12 € 3,60
Abstract
Don Federico Badiali, docente di Teologia sistematica presso la Facoltà teologica dell’Emilia-Romagna, prende in esame due iniziative importanti prese da papa Francesco nel corso di quest’ultimo anno. Si tratta della promulgazione  dell’enciclica Fratelli tutti e dell’indizione del Sinodo universale. L’autore mostra come, al di là della loro evidente eterogeneità, i due eventi siano legati da una prospettiva unitaria. In un certo senso infatti, l’idea centrale del cammino  sinodale può essere compresa proprio come quel sogno di fraternità contenuto nella Fratelli tutti: «Potremmo dire che la sinodalità costituisce il presupposto della fratellanza universale, mentre la fratellanza universale rappresenta il  compimento ultimo di ogni cammino sinodale». Alla luce di questa lettura l’autore suggerisce alle Chiese locali di collocare il sogno di fraternità contenuto nella Fratelli tutti al centro del proprio discernimento sinodale, confrontandosi con otto sfide proposte dall’enciclica.
«Signore, tu lavi i piedi a me?». La rivelazione del ‘Dio in ginocchio’ e le sue implicazioni ecclesiali
di Franco Manzi pagine: 16 € 3,60
Abstract
Don Franco Manzi, biblista e docente presso la Facoltà teologica di Milano, propone qui una densa lettura teologico-spirituale di Gv 13,1-15 esplorandone la densità cristologica e teologica – «che cosa ci rivela la lavanda dei piedi del  mistero di Cristo e del Padre suo?» – e le sue implicazioni sul piano ecclesiologico – «come dev’essere la Chiesa, per essere ciò che deve?». La ricchezza del testo giovanneo rivela l’inedita figura del ‘Dio in ginocchio’ e offre un solido  fondamento a ciò che rende specifico il servizio in senso cristiano: «Dal carattere umile e feriale della lavanda dei piedi – che non ha nulla di miracoloso – si evince che, in ogni “ora” della giornata e in ogni ambito della vita, i  discepoli possono fare gesti di servizio reciproco».