La 'parabola' del laicato cattolico italiano - Luca Diotallevi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

La 'parabola' del laicato cattolico italiano

digital La 'parabola' del laicato cattolico italiano
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 5
titolo La 'parabola' del laicato cattolico italiano
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 05-2012
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

L’ultima Settimana sociale dei cattolici italiani, tenutasi a Reggio Calabria nel 2010, ha, secondo l’analisi di Luca Diotallevi (docente di Sociologia all’Università di Roma Tre), valore di parabola, nello specifi co senso biblico di evento linguistico che chiama l’interlocutore a una fattiva presa di posizione, precisamente interpellando i laici cattolici a partecipare alla vita della civitas. Reggio Calabria risolleva così la questione dell’apostolato dei laici, pratica che ha subito una forte e sorprendente crisi dopo il Vaticano II, l’evento ecclesiale che pure l’ha riconosciuta e riproposta con energia e autorità sorprendenti. Fra le principali ragioni di questa scomparsa va considerata l’attrazione nella pastorale che l’azione laicale ha subito in questi anni. Confi gurazione problematica, poiché rischia di comprimere e deformare la peculiare azione profetica e santifi - catrice dell’intero popolo di Dio. A giudizio del prof. Diotallevi «la crisi dell’apostolato dei laici costituisce evidentemente un danno grave per la civitas e per la intera ecclesia, e per l’esperienza di fede di tutti e di ciascuno. Produce una crisi che a chi è laico toglie tanto, ma tanto toglie anche a chi nella Chiesa non da laico, ma che accanto e di fronte a laici è chiamato a vivere e a comprendere se stesso e la particolarità dello stato o del ministero in cui si trova». Una ripresa dell’apostolato laicale è certo auspicabile e possibile, ma solo a partire dagli stessi laici, a condizione che si dispongano a una spiritualità rigorosamente cristocentrica, dalle forme altrettanto rigorosamente ecclesiali.