La solidarietà, esigenza etica e speranza spirituale? Etica cristiana e vita in società - Angelo Scola - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

La solidarietà, esigenza etica e speranza spirituale? Etica cristiana e vita in società

digital La solidarietà, esigenza etica e speranza spirituale? Etica cristiana e vita in società
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 3
titolo La solidarietà, esigenza etica e speranza spirituale? Etica cristiana e vita in società
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2012
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Come evitare che la parola ‘solidarietà’, così essenziale al lessico cristiano, venga estenuata da un suo uso retorico e sentimentale, o, peggio ancora, sia utilizzata come maquillage di pratiche predatorie del capitalismo? A questa domanda intende rispondere la conferenza che l’Arcivescovo di Milano, S.E. card. Angelo Scola, ha tenuto nella cattedrale parigina di Notre-Dame il 26 febbraio scorso sul tema «Etica cristiana e vita in società» all’interno di un ciclo intitolato: «La solidarietà, esigenza etica e speranza spirituale?». Il card. Scola sviluppa il discorso a partire dalla «prospettiva architettonica» di Benedetto XVI che lega in un quadro coerente quattro categorie-chiave della Dottrina sociale della Chiesa: solidarietà, bene comune, sussidiarietà e dignità umana. In particolare, condizione indispensabile per poter riannodare i legami della solidarietà è quel ‘bene comune’, le cui coordinate vanno smarrendosi nell’odierna società secolarizzata e pluralista, dove la ragione non è ritenuta capace di conoscere la realtà e di stabilire valori comuni condivisi. Uno spazio pubblico vitale non può però rassegnarsi alla pura coesistenza irrelata delle differenze culturali, ma ha da mettere in gioco una ‘narrazione reciproca’, cioè il racconto del signifi cato delle diverse esperienze secondo una logica di mutuo, seppur faticoso, riconoscimento. In quest’opera, un Cristianesimo consapevole della propria responsabilità storica ha molto di decisivo da dire e da fare, soprattutto dentro l’attuale crisi economico-finanziaria globale, additando un «nuovo ordine economico-produttivo, socialmente responsabile e a misura d’uomo», come afferma la Caritas in veritate.