Paradossi e rompicapi dell’iniziazione cristiana. Modelli teologici e prassi pastorale a confronto - Manuel Belli - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Paradossi e rompicapi dell’iniziazione cristiana. Modelli teologici e prassi pastorale a confronto

digital Paradossi e rompicapi dell’iniziazione cristiana. Modelli teologici e prassi pastorale a confronto
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2015 - 4
titolo Paradossi e rompicapi dell’iniziazione cristiana. Modelli teologici e prassi pastorale a confronto
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 04-2015
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Non sono poche le diocesi in cui si sono tentati esperimenti interessanti per provare a ridisegnare l’itinerario dei sacramenti dell’iniziazione cristiana e l’accompagnamento catechistico a esso legato. Tuttavia possiamo parlare di un vero e proprio ‘rompicapo’ perché ogni modifica all’attuale prassi comporta la revisione di un motivo teologico che ha contribuito alla sua strutturazione, motivo in sé valido. L’articolo di don Manuel Belli (insegnante di Teologia dei Sacramenti presso la Scuola di teologia del Seminario di Bergamo), muovendo dalla situazione italiana, non intende proporre nuovi esperimenti pastorali, ma analizza la questione delle variabili che sono in gioco, provando a enunciare una prospettiva di ricerca. La complicatezza della situazione è dovuta al fatto che la modalità con cui oggi nella stragrande maggioranza delle Chiese italiane si vive l’iniziazione cristiana ha delle buone ragioni, e ogni tentativo di revisione ha anch’esso delle buone ragioni: ma, nonostante tutto sia mosso da ‘buone ragioni’, è difficile far convivere le varianti in gioco, tanto che optare per una comporta l’esclusione dell’altra.