Il tuo browser non supporta JavaScript!

La teologia al servizio della nuova evangelizzazione. Verso un approccio ‘teosemiotico’ alla Rivelazione

digital La teologia al servizio della nuova evangelizzazione. Verso un approccio ‘teosemiotico’ alla Rivelazione
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2013 - 1
titolo La teologia al servizio della nuova evangelizzazione. Verso un approccio ‘teosemiotico’ alla Rivelazione
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2013
issn 666666RIVISTACLERO (stampa)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il rinnovato slancio all’evangelizzazione segnato dal recente Sinodo non può prescindere dall’interrogarsi sull’efficacia comunicativa di questo sforzo, e in particolare sull’adeguatezza delle categorie teologiche impiegate nel far risuonare il kerygma per i nostri contemporanei. In questo contesto la ricerca ‘teosemiotica’ si propone quale strumento interessante. Essa applica infatti le regole e i meccanismi della comunicazione agli elementi costitutivi della religione cristiana, in particolare la rivelazione e la fede, per coglierne il singolare codice comunicativo. Don Marco Tibaldi, docente di Introduzione al mistero cristiano e Antropologia teologica presso l’ISSR di Bologna, che di questa giovane disciplina è portavoce, ne presenta qui le linee ispiratrici e i fondamenti teorici. L’interessante articolo, che limita all’essenziale i riferimenti tecnici alla semiotica, propone in chiave esemplificativa un breve saggio di lettura di Gen1. Essa permette agevolmente di comprendere i vantaggi di questo approccio, orientato a cogliere il codice espressivo proprio della rivelazione cristiana, nella convinzione che «ciò che un annunciatore moderno […] che si voglia porre al servizio della nuova evangelizzazione deve fare, si riassume nella capacità di fornire ai propri interlocutori quel codice necessario per interpretare i segni che convergono nell’unico segno della croce di Gesù e della sua risurrezione».