Il lupo di Gubbio. Un anticipo di simpatia sulla realtà del carcere - Marco Pozza - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Il lupo di Gubbio. Un anticipo di simpatia sulla realtà del carcere

digital Il lupo di Gubbio. Un anticipo di simpatia sulla realtà del carcere
Articolo
Rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
Fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2013 - 3
Titolo Il lupo di Gubbio. Un anticipo di simpatia sulla realtà del carcere
Autore
Editore Vita e Pensiero
Formato Articolo | Pdf
Online da 03-2013
Issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

La drammatica realtà del sovraffollamento delle carceri italiane rappresenta una vera emergenza umanitaria e chiede a gran voce una pronta soluzione. C’è tuttavia un secondo e più profondo livello del problema: «Esistono gli uomini malvagi ma quelli infelici sono in numero molto maggiore: sono questi ultimi a sovraffollare il carcere e a gridare la voglia di essere ri-educati». Don Marco Pozza, giovane sacerdote della diocesi di Padova, si propone con questa rifl essione di favorire nel lettore uno sguardo positivo, che permetta di comprendere quanto di straordinario può accadere nel chiuso di una cella, ove il trauma della detenzione diviene occasione di uno scavo in profondità e di riprogettazione dell’esistenza. Cambiamento che in qualche misura interpella le comunità cristiane, poiché il detenuto, dopo l’espiazione della pena, necessita di un contesto accogliente; infatti, «laddove un uomo o una donna una volta usciti non troveranno una porta aperta o una mano tesa, non rimarrà loro altra chance che ribattere le vecchie strade». Offrire motivi di speranza a chi è a corto di alternative: potrebbe essere questo il vero aiuto che una parrocchia offre al mondo sommerso del carcere.

Inserire il codice per attivare il servizio.