Chi ha diritto di parola nella Chiesa? - Giacomo Canobbio - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Chi ha diritto di parola nella Chiesa?

digital Chi ha diritto di parola nella Chiesa?
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2013 - 2
titolo Chi ha diritto di parola nella Chiesa?
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 02-2013
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

L’interrogativo che fa da titolo all’intervento di mons. Giacomo Canobbio, docente di Teologia dogmatica alla Facoltà teologica di Milano, offre un’occasione preziosa per verificare la recezione del rinnovamento ecclesiologico proposto dal Vaticano II e che, in questi cinque decenni, ha incontrato non poche difficoltà. Ancor oggi prevale presso l’opinione pubblica, laica ed ecclesiale, la rappresentazione di una Chiesa nella quale vigono una concentrazione verticistica e clericale della parola pubblica e una consistente difficoltà nel realizzare forme partecipate di decisione. Viene in tal modo mortificata la nativa corresponsabilità dei laici nella missione della Chiesa, affermata con nitore dal Concilio. Molti i motivi di questa perdurante configurazione, che tuttavia, secondo l’Autore, può trovare una via di evoluzione anzitutto ripensando la presenza dei laici nella Chiesa, riconoscendo loro un ruolo adulto e non surrogabile nel discernimento dei ‘segni dei tempi’; in secondo luogo potenziando gli ambiti di libera opinione nella Chiesa; cercando, infine, metodi mediante i quali giungere a formare un’opinione tendenzialmente comune.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento