Libri di Severino Dianich - libri Rivista del Clero Vita e Pensiero

Severino Dianich

Titoli dell'autore

Sinodalità. Dalle idee ai fatti novitàdigital
Anno: 2022
Il grande impegno del Sinodo, che a vari livelli sta chiamando in causa le nostre Chiese, suscita ambizioni di cambiamento che per tradursi in realtà non possono evitare il confronto con il livello canonico che determina molte prassi ecclesiali. Uno degli aspetti più rilevanti che esso pone è la dialettica, ancora molto rigida, tra natura ‘consultiva’ e ‘deliberativa’ del confronto interno alla Chiesa e dei suoi organi di partecipazione, compresi quelli attivati per il Sinodo stesso...
€ 3,60
Evangelizzazione: una grammatica minima digital
Anno: 2007
Queste pagine del noto teologo Severino Dianich hanno il pregio di riproporre una ‘grammatica minima’ per i discorsi sull’evangelizzazione. L’articolo infatti puntualizza, con il nitore di chi ha maturato lunga esperienza e riflessione critica su di essa, i punti fondamentali da tenere presenti quando si parla di missione della Chiesa. Merito di non poco conto, se si vuole evitare il rischio, sempre in agguato, della retorica. In particolare, Dianich ribadisce la natura 'estroflessa' della comunità cristiana, che vive per altro da sé: «È destinata ad essere per il mondo, al quale dovrà servire da segno indicatore e offrire un aiuto per il cammino verso il Regno». In questo senso, l’organizzazione interna va tutta relativizzata al compito missionario, nel quale ha peculiare rilievo il fedele laico, costitutivamente determinato dalle dinamiche relazionali ed estroverse della Chiesa. L’articolo riproduce una relazione tenuta all’ultima settimana di aggiornamento del Centro di Orientamento Pastorale ("Laici e preti insieme parlano di pastorale e missione",Triuggio 18-21 giugno 2007).
€ 4,00
Soggetto carismatico o uomo dell’istituzione? Il prete, amministratore fedele digital
Anno: 2006
Oggi va facendosi strada l’idea che il prete debba essere un leader carismatico.A determinare questa tendenza non è estraneo il clima culturale dominante, che esalta la soggettività e misconosce l’istituzione. Certo, nella Chiesa cattolica non si dà contraddizione tra carisma e istituzione. La varietà delle tipologie di prete evidenzia quanto la struttura ecclesiastica sia accogliente nei confronti delle peculiarità personali. E tuttavia, sottolinea il noto teologo don Severino Dianich, «piaccia o non piaccia, il prete come anche il diacono o il vescovo, è uomo dell’istituzione». La vocazione e l’ordinazione al ministero non sono finalizzate all’autorealizzazione del prete, ma al servizio della comunità affidatagli dal vescovo. Ogni servizio è determinato dai bisogni e dalla condizione di chi deve essere servito. Appare quanto mai urgente una comprensione e un esercizio corretto del ministero in tal senso. Essa domanda anche una certa ascesi nei confronti delle proprie particolari inclinazioni, perché la comunità cristiana sia casa ospitale per tutti. È la fedeltà del bravo amministratore.
€ 4,00
 

Inserire il codice per attivare il servizio.