Libri di Giuliano Zanchi - libri Rivista del Clero Vita e Pensiero

Giuliano Zanchi

Giuliano Zanchi
autore
Vita e Pensiero
Giuliano Zanchi, sacerdote e teologo, è direttore scientifico della Fondazione Adriano Bernareggi (Bergamo) e vice presidente dell'AMEI (Associazione Musei Ecclesiastici Italiani). Si occupa di temi al confine fra l’estetica e la teologia. Dal 2021 è direttore della “Rivista del clero italiano”. 
Condividi:

Libri dell'autore

La messa nell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Riti a distanza, questioni teoriche, riflessi pastorali digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2021 - 2
Anno: 2021
La lunga chiusura delle chiese patita la scorsa primavera ha trovato una pronta e creativa surroga al distanziamento coatto nella tecnologia digitale che ha segnato, ultima dopo radiofonia e televisione, l’ingresso ufficiale della rete negli spazi liturgici, rendendo riproducibile la partecipazione ai misteri celebrati. Don Giuliano Zanchi, Direttore della Rivista, rilegge in questo originale studio le nuove prassi generate da quell’emergenza, segnalando e approfondendo alcuni nodi ecclesiologici e liturgici latenti, che esse hanno semplicemente messo in evidenza...
€ 3,60
I giorni del nemico digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2020 - 5
Anno: 2020
«Il male, qualunque esso sia, ci tocca sempre due volte. La prima ci ferisce, la seconda ci trasforma. Se qualcosa non si interpone tra questi due momenti, il male […] ci rende repliche di sé, lasciandoci sospesi, sfiduciati, dominati dal subdolo demone del nulla». Con queste parole Don Giuliano Zanchi, teologo e direttore scientifico della Fondazione Adriano Bernareggi di Bergamo, motiva, in questi giorni di graduale ripresa, l’importanza e l’urgenza di capire i significati di quanto è successo nei giorni più aspri della pandemia, di leggere le reazioni all’imprevisto, di interrogare il domani...
€ 3,60
L’impegno della mediazione culturale. Per rievangelizzare il cattolicesimo digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2019 - 10
Anno: 2019
L’accelerazione dei mutamenti socio-economici, politici e culturali degli ultimi anni evidenzia con chiarezza come il mondo cattolico stia interpretando queste novità in modo fortemente eterogeneo, talvolta addirittura contraddittorio, spesso manifestando profonde fratture fra il sentire popolare e le indicazioni magisteriali.
€ 3,60
Verso il tempo della Giustizia più grande Tempo ordinario - Parte seconda digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2019 - 9
Anno: 2019
€ 3,60
Teologia liturgica e immaginario dell’altare digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2019 - 6
Anno: 2019
Dopo cinquant’anni dalla riforma liturgica che ha inteso restituire rilevanza ai luoghi centrali del rito, don Giuliano Zanchi, teologo e segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo, propone una acuta e originale riflessione sulle problematiche estetiche e simboliche che accompagnano la comprensione postconciliare del ruolo liturgico dell’altare. La sua potenziale densità simbolica è spesso disattesa nelle nostre chiese, a motivo di scelte estetiche, architettoniche, celebrative e anche teologiche che non evidenziano nitidamente la sua centralità e la complessità di riferimenti che rappresenta...
€ 3,60
Manuale dell’aspirante discepolo. Tempo ordinario - Parte prima digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2019 - 6
Anno: 2019
€ 3,60
In aiuto del Cireneo. Riflessioni sul compito ecclesiale della catechesi digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2018 - 7-8
Anno: 2018
I distesi tempi estivi favoriranno la lettura di un corposo testo che don Giuliano Zanchi, teologo e segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo, dedica al tema della catechesi, così strategico nella vita pastorale. La riflessione si articola in un primo momento descrittivo della fine del «catecumenato sociale», cioè di quel processo che negli ultimi decenni è stato il vettore del momento catechetico nella trasmissione della fede, trasformandolo in una sorta di «Cireneo della vita pastorale», caricandolo cioè di funzioni improprie dalle quali è forse tempo che venga sollevato...
€ 3,60
Mantenere la Parola. Eredità conciliari, compiti attuali digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2017 - 7 - 8
Anno: 2017
L’articolo di don Giuliano Zanchi, redattore della rivista e segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo, è intenzionalmente privo delle caratteristiche tipiche di uno studio teologico. Nasce piuttosto come strumento di riflessione di un gruppo di preti e laici della diocesi di Bergamo, che da molti anni elabora interessanti linee prospettiche di riforma pastorale...
€ 3,60
Riaccendere la passione pastorale. Il «Liber pastoralis» di Franco Giulio Brambilla digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2017 - 2
Anno: 2017
L’articolo di don Giuliano Zanchi (segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo e redattore della Rivista) illustra la coraggiosa proposta di un Liber pastoralis esplicitamente pensato quale «ideale vademecum per i pastori e per i loro collaboratori, su cui confrontarsi e su cui discernere: per chiedersi cosa c’è da potare, che altro c’è da valorizzare, che altro ancora da creare di nuovo» nella Chiesa italiana oggi...
€ 3,60
Costruire la comunità per rendere visibile il Vangelo. Il compito pastorale dopo la fine della cristianità digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2016 - 7 - 8
Anno: 2016
Il titolo di questo importante saggio di don Giuliano Zanchi, segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo, ne riassume la tesi e auspica la direzione verso la quale dovrebbe indirizzarsi un agire pastorale conscio dell’attuale contesto postcristiano. Coltivare uno sguardo lucido sulla realtà, percepire il valore dell’umano che si è sviluppato al di fuori della Chiesa, sforzarsi di ripensare la comunità pensando al mondo, sono le precondizioni di un progetto testimoniale che sappia parlare agli uomini e alle donne di questo tempo, nella consapevolezza che la vita cristiana consiste anzitutto nel lavoro pastorale che ogni giorno edifica la comunità...
€ 3,60
Il coraggio delle scelte definitive digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2016 - 1
Anno: 2016
Sembra ormai ovvia non solo l’impraticabilità, ma anche l’insignificanza delle scelte definitive, in particolare quella del legame tra uomo e donna. Siamo infatti sempre più spesso testimoni delle incerte vicende del ‘definitivo’: chiunque prima o poi fa esperienza nella propria cerchia parentale ed ecclesiale di patti infranti, di relazioni inaridite, persino di repentini cambi vocazionali. Eppure i legami umani nascono con l’irragionevole pretesa di essere eterni...
€ 3,60
Le donne e la Chiesa digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2015 - 7-8
Anno: 2015
€ 3,60
Segno dell’Unico e cura dei molti. Il ministero del prete. II digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 10
Anno: 2014
Dopo aver delineato sul fascicolo di settembre lo sfondo storico e il contesto culturale su cui si colloca la figura del prete, in questa seconda parte dell’articolo don Giuliano Zanchi propone alcune coordinate fondamentali per ripensare il ministero presbiterale...
€ 3,60
Segno dell’unico e cura dei molti. Il ministero del prete. I digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 9
Anno: 2014
Il saggio di don Giuliano Zanchi, redattore della rivista e segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo, richiama l’attenzione sulla questione, sempre centrale e di stretta attualità, dell’identità presbiterale...
€ 3,60
La luce nella liturgia. Profezia del corpo spirituale digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 2
Anno: 2014
L’esperienza della luce nella liturgia non è cosa scontata. Ce lo ricorda in queste pagine don Giuliano Zanchi (prete della diocesi di Bergamo, dove dirige la Fondazione Bernareggi, ed esperto dei rapporti tra liturgia, estetica e teologia). Se nella celebrazione cristiana i sensi umani in generale rivestono grande importanza, la percezione della luce in particolare ha a che fare con il cuore del mistero cristiano, la Pasqua. Questo legame è suggestivamente analizzato dall’Autore nei suoi fondamenti antropologici e nei suoi riferimenti teologici alla resurrezione di Gesù (di cui il cero pasquale è il simbolo), restituendoci l’intuizione che non ogni luce o illuminazione è congrua con la qualità cristiana della liturgia: in questo senso la luce accecante è differente da quella chiaroscurale tipica del mistero pasquale; e più concretamente, le candele elettriche sono ben diverse da quelle di cera. Questa diversità non è senza effetti per l’esperienza dello spirito. L’articolo illustra tale sensibilità attraverso numerosi esempi concreti alle celebrazioni liturgiche e ai loro luoghi, mostrando che «illuminare la liturgia cristiana è compito che interseca sfide pastorali essenziali: in gioco c’è proprio la fede nel risorto e il destino spirituale della vita umana».
€ 4,00
I laici nella Chiesa. Fede evangelica e realtà secolare digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2013 - 7-8
Anno: 2013
€ 4,00
La bellezza e il fondamento. Un tema attuale digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2010 - 3
Anno: 2010
Pubblichiamo qui un suggestivo saggio di don Giuliano Zanchi, Direttore generale del Museo Diocesano di Bergamo. Si tratta di un testo pensato in occasione di un dibattito tenuto al Teatro dell’Arsenale di Venezia sul tema dell’attualità della bellezza. Don Zanchi propone le ragioni di una considerazione ‘alta’ della bellezza, che ne superi i superficiali significati legati alla gradevolezza e alla decorazione. Essa infatti, come ben conosce la tradizione cristiana, ha la dignità di via ‘sensibile’ alla percezione del fondamento secondo le forme dell’armonia e dello splendore. È quindi uno dei molti sentieri lungo i quali si decide il destino dell’uomo, tanto che, «se non abita gli spazi del fondamento, la bellezza si riduce a un vano ornamento che, una volta grattato via, mostra di non aver avvolto che il nulla». Il tema, fortemente percepito dalla sensibilità postmoderna, ha un indubbio rilievo pastorale, poiché conduce all’esperienza religiosa dello «stare nel compimento […], del percepire anche per un solo istante la grazia di qualcosa che ci appare giusto così come è».
€ 4,00
Luoghi della liturgia. Esperienza dello spazio e partecipazione al mistero digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2009 - 9
Anno: 2009
L’appassionante studio di don Giuliano Zanchi, parroco e liturgista della diocesi di Bergamo, si propone di mostrare come la costruzione dello spazio contribuisca all’‘efficacia contemplativa’ della liturgia, alla sua capacità di attrarre alla partecipazione, cioè di sollecitare il credente a disporre l’intero della sua persona nei legami che si istituiscono nell’azione liturgica. L’obiettivo non è quindi di spiegare il significato dei luoghi liturgici, né di sviluppare una esegesi dello spazio cristiano e della sua topica. La riflessione cerca piuttosto di condurre il lettore a cogliere gli elementi essenziali del particolare meccanismo che i luoghi della liturgia cristiana sanno disporre, al fine di realizzare ciò che si dice. Per compiere questo itinerario lo studio si affaccia anzitutto sul senso dell’esperienza originaria che l’essere umano ha dello spazio, facendo comprendere che i due aspetti, quello antropologico e quello liturgico, non sono uno la preparazione dell’altro, quasi che il secondo arrivi a sostituire il primo, ma si implicano continuamente a vicenda anche nei luoghi della quotidiana esperienza celebrativa.
€ 4,00
Il senso umano del costruire e le assemblee cristiane. Un itinerario storico attraverso i significati dell’edificio chiesa. II digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 2
Anno: 2008
Pubblichiamo qui la seconda parte del saggio di don Giuliano Zanchi sui significati assunti dall’edificio chiesa lungo la storia del cristianesimo. La prima parte, pubblicata sul numero di gennaio (pp. 7-21), dopo essersi soffermata sul significato umano del costruire, analizzava i vari stili costruttivi che hanno interpretato le forme della relazione della Chiesa nella storia fino alle soglie della modernità. Questa seconda sezione si concentra sul tempo attuale, segnato dalla postmodernità ‘liquida’ e dalla conseguente scomparsa di uno stile architettonico condiviso. Questa caratteristica spiega la diffusa percezione di stallo nel gran lavorio dell’architettura religiosa, e la difficoltà di costruire chiese che appaiano immediatamente come tali, capaci di armonizzare l’invenzione architettonica e l’impianto liturgico.Tuttavia l’Autore non imputa all’architettura la responsabilità di questa situazione problematica, intuendo nell’attuale distretta quasi un riflesso della «fatica dei cristiani stessi a esprimersi con uno stile univoco, riconoscibile, coerente». In questo senso «l’architettura è forse oggi a suo modo una delle più fedeli interlocutrici di una presenza cristiana che sta cercando di trovare il proprio posto e il proprio compito nel mondo».
€ 4,00
Il senso umano del costruire e le assemblee cristiane. Un itinerario storico attraverso i significati dell’edificio chiesa. I digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 1
Anno: 2008
L’interessante saggio di don Giuliano Zanchi, parroco e liturgista della diocesi di Bergamo, ci invita a un affascinante viaggio attraverso i significati assunti dall’edificio chiesa lungo la storia del cristianesimo. L’architettura, infatti, registra con sapienza la relazione che l’identità cristiana intrattiene con i mondi culturali che essa stessa abita, trasformando questo complesso di significati in edifici, di cui la chiesa rappresenta l’espressione più ricca e compiuta. Scorrendo le pagine che seguono, si è rapidamente condotti a scoprire anzitutto il significato umano del costruire e quindi i vari stili costruttivi che hanno interpretato gli assetti della relazione della Chiesa con le culture via via incontrate lungo la sua storia. Questo almeno fino a quando è stato possibile parlare di stile, cioè fino all’avvento della modernità che ha segnato la scomparsa delle condizioni di un’espressione stilistica unitaria. Questa fase storica più recente, che merita molta attenzione perché permette di meglio comprendere le incertezze dell’oggi, sarà illustrata nel prosieguo dello studio, che comparirà sul prossimo numero della Rivista.
€ 4,00
Estetica della grazia e spiritualità dell’arte. Il caso serio della liturgia digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2006 - 12
Anno: 2006
L’articolo di don Giuliano Zanchi inaugura una breve serie dedicata al rapporto tra arte e pastorale, frutto della riflessione di un gruppo di preti e laici a Bergamo. La sintesi tracciata dall’Autore è uno strumento prezioso per comprendere la parabola percorsa dall’arte negli ultimi secoli, fino alla forma inedita e problematica raggiunta nella contemporaneità. Il momento critico che l’arte sta attraversando non è senza impatto sull’esperienza culturale odierna, sempre più orfana della sua dimensione simbolica. La fede cristiana stessa, priva di un’apprezzabile estetica dell’umano, patisce questo smarrimento, in particolare là dove il simbolico la connota intrinsecamente, come nella liturgia.
€ 4,00
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento