Il tuo browser non supporta JavaScript!

La nostra società ha ancora bisogno della famiglia?

digital La nostra società ha ancora bisogno della famiglia?
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2014 - 7-8
titolo La nostra società ha ancora bisogno della famiglia?
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2014
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

L’articolo di Roberto Volpi, statistico e scrittore, riassume la tesi fondamentale di un libro che, con l’identico titolo, verrà pubblicato nel prossimo mese di settembre dall’editrice Vita e Pensiero. La famiglia oggi non gode di buona salute. Ha assunto molte forme (estesa, ricostituita, allargata, di fatto, unipersonale, convivente, non convivente…), ma soprattutto, al di là dei discorsi retorici, sembra caratterizzata da una perdita di prestigio e attrattiva che si misura in numeri di matrimoni e di fi gli mai così bassi nella storia d’Italia. Le cause di questo scivolamento, peraltro condiviso con gli altri Paesi occidentali, sono tante, ma il vero punto della frantumazione della famiglia come la conosciamo, della sua polverizzazione verso forme sempre meno impegnative e sempre più contingenti e provvisorie, è culturale, più che statistico o normativo, e trova la sua origine nella transizione in atto nell’Occidente post-moderno da un tipo di società i cui assetti economico-produttivi necessitavano di una forte famiglia di tipo tradizionale a una società che cerca invece nell’individuo la sua forma base. Un individuo che non si fa problemi a essere tale, ma che anzi rivendica i caratteri, i vantaggi, e perfino la superiorità della sua condizione. Un individuo che non sostituisce però la famiglia, ma se ne serve ibridandola, infiltrandola, cambiandola. Se è impensabile invertire la tendenza, è però importante vedere lucidamente gli scenari che essa apre per il futuro. La domanda è: terranno le società e i Paesi occidentali se continuerà lo scivolamento verso forme di famiglia a sempre più bassa responsabilità individuale e di coppia, se i tassi di fecondità e di nascite rimarranno drammaticamente lontani dalla soglia di sostituzione delle generazioni? Famiglia e società sono ben più saldamente intrecciate di quanto oggi si tende a pensare. La sfida è aperta. La Chiesa si accinge a raccoglierla nell’imminente Sinodo dei vescovi dedicato, appunto, alle «Sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione».