Cinese tra i cinesi. L'esemplare esperimento missionario di Matteo Ricci (1552-1610) - Mario Biffi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Cinese tra i cinesi. L'esemplare esperimento missionario di Matteo Ricci (1552-1610)

digital Cinese tra i cinesi. L'esemplare esperimento missionario di Matteo Ricci (1552-1610)
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2010 - 4
titolo Cinese tra i cinesi. L'esemplare esperimento missionario di Matteo Ricci (1552-1610)
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 04-2010
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

L’esperienza di Matteo Ricci resta una pietra miliare nella storia delle relazioni tra Cina e cattolicesimo europeo. Il suo tratto più geniale fu credere in una comunicazione tra questi due universi, di fatto così diversi tra loro. La sua abilità consistette nel trovare il modo concreto per realizzarla. Il metodo del suo approccio missionario si rivela d’attualità anche nella nostra epoca. A quattrocento anni dalla scomparsa (Pechino, 11 maggio 1610) ci sembra significativo ricordare i tratti salienti della sua azione attraverso l’articolo di Mario Biffi, che mette in rilievo gli aspetti qualificanti della missione di Matteo Ricci in Cina, contestualizzandoli nell’azione della Chiesa secentesca. L’autore dà risalto anche alle grandi difficoltà dell’inculturazione del cristianesimo in Cina incontrate da Ricci, soprattutto in ambito cristologico e liturgico. Questo, tuttavia, non oscura minimamente il valore della sua opera che «si rivela soprattutto nel suo carattere cristiano. Egli fu realmente un uomo di comunione: tra mondi, culture e uomini. Tale comunione nacque e crebbe nella sua esperienza del Vangelo […], fu resa possibile dall’interesse evangelico per l’umanità in tutte le sue forme».