Il coraggio delle scelte definitive - Giuliano Zanchi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Il coraggio delle scelte definitive

digital Il coraggio delle scelte definitive
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2016 - 1
titolo Il coraggio delle scelte definitive
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2016
issn 0042-7586 (stampa)
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Sembra ormai ovvia non solo l’impraticabilità, ma anche l’insignificanza delle scelte definitive, in particolare quella del legame tra uomo e donna. Siamo infatti sempre più spesso testimoni delle incerte vicende del ‘definitivo’: chiunque prima o poi fa esperienza nella propria cerchia parentale ed ecclesiale di patti infranti, di relazioni inaridite, persino di repentini cambi vocazionali. Eppure i legami umani nascono con l’irragionevole pretesa di essere eterni. Il denso e lucido saggio di don Giuliano Zanchi, segretario generale della Fondazione Bernareggi di Bergamo e redattore della Rivista, affronta senza infi ngimenti questo tema scottante e delicato indagandone le cause sistemiche e le possibili strategie di contenimento. Lo studio si articola in una prima parte di carattere più sociologico, dedicata alla comprensione della genesi culturale di questa eclissi del definitivo, seguita dalla rilettura di alcuni nodi antropologici decisivi al fine di un rinvigorimento del tenore morale delle scelte. Sul piano della vita personale appare così fondamentale favorire lo sviluppo di una «capacità di discernimento critico da parte della coscienza individuale nei confronti dei modi di dire, di fare e di sentire della cultura comune e della sua ovvietà pubblica». Sul piano ecclesiale occorrerebbe maturare un paziente stile di accompagnamento: coloro che seguono l’esigente via umana delle scelte definitive «non si aspettano dalla testimonianza dei credenti pedanteria disciplinare del notifi care ogni passo falso», ma l’incoraggiamento a restare «nella convinzione che a vivere così ci si mantiene in quell’umanità a cui l’Altissimo non nega la sua compiutezza».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento