Penitenza: che fare? Oltre la crisi della prassi penitenziale - Alberto Carrara - Vita e Pensiero - Articolo Rivista del Clero Vita e Pensiero

Penitenza: che fare? Oltre la crisi della prassi penitenziale

digital Penitenza: che fare? Oltre la crisi della prassi penitenziale
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 10
titolo Penitenza: che fare? Oltre la crisi della prassi penitenziale
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 10-2012
issn 0042-7586 (stampa) | 2785-0846 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

La denuncia e la meticolosa analisi dei motivi della vistosa crisi del sacramento della Penitenza hanno ormai fatto il loro tempo. La stagione attuale dovrebbe invece essere orientata dalla preoccupazione di fare almeno ciò che onestamente è possibile realizzare. Guidato da questa premessa, don Alberto Carrara, parroco, ora delegato episcopale per la cultura e gli strumenti di comunicazione sociale nella diocesi di Bergamo, propone alcune rifl essioni sull’odierna crisi della prassi penitenziale. Il primo evidente motivo di difficoltà è ravvisato nella diffusa inadeguatezza celebrativa: «il rito della Penitenza si è progressivamente, lentamente destrutturato», si è «scarnificato» perdendo in parte i suoi connotati ‘oggettivi’, rituali, e ciò ha gradualmente contribuito a trasformarlo in un confronto personale con il confessore. Don Carrara peraltro valorizza il risvolto positivo di questo mutamento cogliendo come il quarto sacramento si ponga così come il luogo di incontro di un doppio movimento, dal rito alla vita e viceversa. Questa nuova domanda dei fedeli potrebbe essere colta come portatrice di istanze di riforma della pratica penitenziale, come già accaduto nella storia di questo sacramento, le cui forme celebrative sono molto mutate lungo i secoli.