Il tuo browser non supporta JavaScript!

LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 9

digital LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 9
Fascicolo digitale
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo 9 - 2012
titolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 9
editore Vita e Pensiero
formato Fascicolo digitale | Pdf

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Non ci sono informazioni per questo prodotto

Sommario

Nell’amore di Dio il mistero della sofferenza
pagine: 3 Scarica
L’eredità del Vaticano II
di Gilles Routhier pagine: 15 € 4,00
Abstract
La prossima celebrazione del 50° anniversario del Vaticano II segna un passaggio importante nella storia della sua ricezione: usciti ormai di scena i protagonisti che hanno ‘fatto’ il Concilio, si apre la delicata fase del passaggio della sua eredità alle nuove generazioni. ll prof. Gilles Routhier, docente alla facoltà di Teologia dell’Università Laval, Québec, mette a fuoco le condizioni che possano rendere effettivo il passaggio di un lascito così impegnativo: anzitutto superando la tentazione di ridurre il Concilio a un insieme di testi da conoscere e da trasmettere alla nuova generazione come un deposito inalterato, ma valorizzandolo «come modo originale di rifl essione e come atteggiamento fondamentale, una maniera d’impadronirsi delle questioni di un’epoca e un metodo per pensare nella fede». Per mantenere questo livello sostanziale di trasmissione, sottolinea il prof. Routhier, è necessario «riprendere una lettura degli insegnamenti conciliari includendo l’orizzonte d’attesa del nuovo pubblico-lettore». Senza questa attenzione l’interesse per il Concilio declinerà irrimediabilmente e la sua eredità andrà gradualmente a perdersi. Il testo costituisce l’Introduzione al volume di G. Routhier, Un Concilio per il XXI secolo, di imminente pubblicazione presso Vita e Pensiero.
Antonio Rosmini e la famiglia in un mondo che cambia
di Franco Giulio Brambilla pagine: 14 € 4,00
Abstract
In questa rivisitazione interpretante del pensiero di Antonio Rosmini, il vescovo di Novara mette in risalto la ‘genialità’ della visione che il Roveretano aveva della famiglia, pur nei suoi inevitabili limiti storici. Dopo avere delineato in modo sintetico ed effi cace i tratti socioculturali fondamentali che connotano in modo problematico la famiglia odierna (la separazione tra famiglia e società, e la divaricazione tra sentimento e decisione), mons. Brambilla mette in risalto i due contributi sorprendentemente attuali di Rosmini sulla famiglia: la necessità di pensarla come istitutiva del rapporto sociale, invece che confi narla nell’ambito del privato, e il rapporto intrinseco tra la relazione coniugale e la generazione dei figli, il dono a cui ultimamente è destinata la relazione uomo-donna.
Un «pane solo» perché tutti comprendano. Lettura e commento di Mc 8,14-21
di Alberto Pe pagine: 16 € 4,00
Abstract
Presentiamo una approfondita interpretazione della pericope dell’«unico pane» che grande importanza riveste nell’economia narrativa del vangelo di Marco. Ne è autore Alberto Pe, giovane biblista della diocesi di Lodi, che, dopo una presentazione esegetica del brano, propone una sua lettura articolata secondo la struttura narrativa in sei sequenze. Il testo marciano, sotto una superficie letteraria lineare ed essenziale, nasconde una ricca rete di riferimenti sia al contesto ravvicinato del racconto sia a quello più ampio dell’intero Evangelo. Dalla concretezza del dato narrativo emerge il suo valore simbolico, oltre che tale una comprensione profonda del kerygma cristologico.
Comunità pastorali: verso una nuova identità del prete? Note da una ricerca nella diocesi di Milano
di Paolo Ciotti pagine: 21 € 4,00
Abstract
La riforma delle comunità pastorali avviata nella diocesi di Milano a partire dal 2006 sta cambiando il volto e la vita quotidiana di non poche comunità parrocchiali. Ma non solo. La riforma della struttura e dei ruoli determina cambiamenti ad un livello più profondo, quello della identità dei soggetti che rendono vive le strutture comunitarie: i preti, i fedeli laici, i religiosi e le religiose impegnati nella pastorale parrocchiale. Con tutte le sue opportunità, ma anche i suoi rischi, che qui emergono dalle esperienze analizzate, Don Paolo Ciotti, sacerdote milanese laureato in psicologia, coinvolto in prima persona in questa riforma pastorale, ne ha studiato i risvolti nella sua tesi di laurea, di cui qui pubblichiamo alcuni stralci. Guidata dall’ottica sistemica, che nelle scienze umane individua ogni elemento come parte di un tutto e ne analizza la reciproca interazione, la ricerca suppone che i cambiamenti delle strutture della pastorale in corso avranno sempre più un impatto sul ruolo e sull’identità vocazionale degli operatori pastorali e propone alcune tesi circa il volto del clero che il nuovo assetto organizzativo prefigura.
Immaginare per credere. Con e oltre Newman
di Giulio Osto pagine: 13 € 4,00
Abstract
Nel quadro del rinnovato interesse per il pensiero del grande teologo inglese seguito alla sua beatifi cazione, pubblichiamo un interessante studio sulla dimensione immaginativa del credere. Il tema acquista oggi particolare significato sia per l’affinità del nostro clima culturale con quello dell’epoca di Newman sia per la centralità che la riflessione sulla fede avrà nel prossimo anno. L’Autore, presbitero della diocesi di Padova, sottolinea infatti come l’immaginazione per Newman sia strettamente legata alla fede, sia ciò che «realizza, cioè rende esistenziale, vitale il credere»; essa descrive tutto «il dinamismo della conoscenza, del giudizio-decisione e dell’actus-affectus fidei». È quindi nell’immaginazione che si giocano le dinamiche di accoglienza- rifiuto, decisione-distacco tra il soggetto e la realtà, tra l’uomo e Dio. L’immaginazione è pertanto una dimensione essenziale della fede, da abitare con la rifl essione e la prassi: «curando, guarendo ed educando l’immaginazione potremo continuare a credere».
Permalink per :

Pinterest