Il tuo browser non supporta JavaScript!

LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 2

digital LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 2
Fascicolo digitale
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo 2 - 2008
titolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2008 - 2
editore Vita e Pensiero
formato Fascicolo digitale | Pdf

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Sommario

EDITORIALE La solitudine dell’uomo Gesù
pagine: 3 € 4,00
«… nel Signore, sempre». Meditazione sulla gioia
di Maria Ignazia Angelini pagine: 12 € 4,00
Abstract
Esiste una vera e propria responsabilità cristiana della gioia, afferma madre Maria Ignazia Angelini, badessa del monastero benedettino di Viboldone (Milano), in questa meditazione svolta sull’ordito della lettera ai Filippesi. Infatti, in un tempo come il nostro, singolarmente segnato dalla malinconia, le comunità ecclesiali e i singoli credenti sono chiamati a testimoniare con nitore una loro caratteristica essenziale: la gioia come sentimento della fede. Un sentimento non spontaneistico o a buon mercato, ma ben consapevole della drammaticità e della tragicità della condizione umana. Questo paradosso è possibile solo perché la gioia cristiana non ha altra sorgente che la presenza del Signore, che, come afferma Paolo nell’inno del secondo capitolo, non si è tenuto gelosamente aggrappato alla sua condizione divina, ma si è svuotato nella forma di schiavo, fino alla morte: per questo Dio l’ha risuscitato. Il pressante invito a «rallegrarsi nel Signore» risuona quindi come cardine di un mondo degli affetti generato e plasmato dall’evento della Pasqua.
Il senso umano del costruire e le assemblee cristiane. Un itinerario storico attraverso i significati dell’edificio chiesa. II
di Giuliano Zanchi pagine: 20 € 4,00
Abstract
Pubblichiamo qui la seconda parte del saggio di don Giuliano Zanchi sui significati assunti dall’edificio chiesa lungo la storia del cristianesimo. La prima parte, pubblicata sul numero di gennaio (pp. 7-21), dopo essersi soffermata sul significato umano del costruire, analizzava i vari stili costruttivi che hanno interpretato le forme della relazione della Chiesa nella storia fino alle soglie della modernità. Questa seconda sezione si concentra sul tempo attuale, segnato dalla postmodernità ‘liquida’ e dalla conseguente scomparsa di uno stile architettonico condiviso. Questa caratteristica spiega la diffusa percezione di stallo nel gran lavorio dell’architettura religiosa, e la difficoltà di costruire chiese che appaiano immediatamente come tali, capaci di armonizzare l’invenzione architettonica e l’impianto liturgico.Tuttavia l’Autore non imputa all’architettura la responsabilità di questa situazione problematica, intuendo nell’attuale distretta quasi un riflesso della «fatica dei cristiani stessi a esprimersi con uno stile univoco, riconoscibile, coerente». In questo senso «l’architettura è forse oggi a suo modo una delle più fedeli interlocutrici di una presenza cristiana che sta cercando di trovare il proprio posto e il proprio compito nel mondo».
L’enciclica «Spe salvi». Un’introduzione alla lettura
di Alfonso Valsecchi pagine: 13 € 4,00
Abstract
L’articolo di don Alfonso Valsecchi, docente di Teologia sistematica presso il Seminario di Venegono (MI), lungi dal voler sostituire il contatto diretto col testo, propone un’utile analisi della recente enciclica di Benedetto XVI, mettendo in evidenza progetto d’insieme, struttura e passaggi cruciali del pensiero del Papa. Particolare rilievo viene dato alla teologia dei novissimi, dalla "Spe salvi" autorevolmente precisata e aggiornata.
I misteri del Regno. Sul ‘discorso parabolico’ di Matteo 13
di Guido Benzi pagine: 16 € 4,00
Abstract
Pubblichiamo qui il secondo contributo di don Guido Benzi, biblista della diocesi di Rimini, sulla teologia delle parabole nel Vangelo di Matteo (il primo è comparso sul numero dello scorso ottobre). L’intervento, interamente dedicato al ‘discorso parabolico’ del primo vangelo, rivela la paziente fatica esegetica che prepara una sicura presa teologica sul testo. Le pagine che seguono invitano a entrarvi in profondità, ad acquisire confidenza con la sua particolare struttura narrativa, per essere colmati dai doni che custodisce: si tratta infatti di un testo cardine del primo evangelo, «il “punto di svolta” dell’intero vangelo di Matteo: dopo che i Giudei hanno rigettato Gesù come il Messia che inaugura il regno di Dio escatologico (capitoli 11-12), Gesù mette in evidenza in 13,13 la loro cecità e la loro incapacità di comprendere, volgendosi verso coloro che sono o desiderano diventare “vicini a lui” (13,10), cioè suoi discepoli».
Viaggio letterario sulle orme di Cristo
di Vincenzo Arnone pagine: 14 € 4,00
Abstract
C’è una conoscenza di Cristo che avviene e si esprime per vie non usuali. Fra queste possiamo annoverare certamente la via dell’intuizione letteraria e poetica, particolarmente ricca di suggestioni. Nel suo breve saggio Vincenzo Arnone, prete della diocesi di Firenze, ci introduce a una rassegna dell’opera di numerosi letterati che, negli ultimi secoli, da Alfonso Maria de’ Liguori fino al contemporaneo Davide Maria Turoldo, hanno riflettuto e cantato il mistero cristologico. Siamo quindi invitati a un contemplativo viaggio letterario fra i variegati panorami che la risonanza del mistero del Figlio ha suscitato nelle coscienze di uomini credenti, ma anche non credenti.

Pinterest