Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il segno della cattedrale oggi

novitàdigital Il segno della cattedrale oggi
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2018 - 9
titolo Il segno della cattedrale oggi
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2018
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

A distanza di secoli dalla loro edificazione, dopo aver attraversato rivoluzioni urbanistiche e sociali, le cattedrali rappresentano ancora nelle nostre città una realtà di forte impatto storico-culturale e simbolico. Goffredo Boselli, liturgista, monaco della comunità ecumenica di Bose, cerca di decifrare il significato della loro presenza sia per la Chiesa di oggi sia per la città postmoderna: compito essenziale nel momento in cui molte diocesi, in Europa e soprattutto in Italia, stanno investendo energie umane e cospicue risorse economiche per il loro restauro architettonico e l’adeguamento liturgico. Tuttavia – sostiene l’autore – queste iniziative rischiano di restare incomplete e parziali se non sono accompagnate «da una valorizzazione del ruolo della cattedrale all’interno della Chiesa locale e da una riflessione ampia sulla vocazione e il compito che le profonde trasformazioni che attraversano oggi la società assegnano alle cattedrali». Il semplice esserci della cattedrale al centro della città svolge la funzione di ricordare che anche una società secolarizzata non può recidere le sue radici religiose. Tale presenza invita poi a un’adeguata ermeneutica del segno che, rifuggendo dalle scorciatoie estetizzanti o da quelle identitarie della religione civile, venga assunto secondo la logica espressa dalle metafore evangeliche del «lievito nella pasta» e della «città sul monte». Il testo riproduce la relazione che l’autore ha tenuto in occasione del XVI Convegno Liturgico Internazionale nel giugno scorso a Bose su «Architettura di prossimità. Idee di cattedrale, esperienze di comunità». Gli Atti verranno pubblicati dall’editrice Qiqajon.