Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il ‘noi presbiterale’ a servizio della Chiesa. Dinamiche di comunione e collaborazione tra preti

novitàdigital Il ‘noi presbiterale’ a servizio della Chiesa.
Dinamiche di comunione e collaborazione tra preti
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2017 - 10
titolo Il ‘noi presbiterale’ a servizio della Chiesa. Dinamiche di comunione e collaborazione tra preti
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 10-11-2017
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Un numero crescente di diocesi ha disposto nuove forme di organizzazione del tessuto parrocchiale, proponendo diverse modalità di cooperazione fra le comunità e i loro preti. Sarebbe ingenuo minimizzare le ripercussioni che questi cambiamenti determinano sull’identità del presbitero, oggi meno garantita dal ministero di quanto non lo fosse una volta, quando egli si riferiva a un’unica comunità parrocchiale. In questo studio don Donato Pavone, psicologo, insegnante di Psicologia e Antropologia filosofica presso lo Studio Teologico e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Treviso e Vittorio Veneto, pone l’attenzione sulle problematiche aperte dai nuovi scenari pastorali, convinto che queste rappresentino una vera urgenza ecclesiale. Infatti, «il singolo sacerdote non può essere lasciato solo nel compito titanico di ripensarsi profondamente, circa l’essere e l’agire, nell’attuale sua inedita condizione esistenziale e ministeriale». In questa prospettiva l’autore propone un’articolata riflessione sui benefici che dinamiche di comunione fra presbiteri potrebbero portare sia nel sostegno personale sia nei processi di discernimento delle nuove forme dell’agire pastorale. Il ‘noi presbiterale’, specie se realizzato in forme di convivenza, non andrebbe idealizzato «come se fosse la panacea di tutte le difficoltà della vita e del ministero del prete»; è realtà per sua natura a servizio della Chiesa, chiamata a realizzare sui territori «buone pratiche di comunione e di guida pastorale plurale, che rappresentano non soltanto una chiara opportunità di testimonianza evangelica, ma anche un significativo, seppur implicito, annuncio vocazionale».

Pinterest