Il tuo browser non supporta JavaScript!

Abusi nella Chiesa, un problema di tutti. Oltre una lettura difensiva o riduttiva

novitàdigital Abusi nella Chiesa, un problema di tutti.
Oltre una lettura difensiva o riduttiva
Articolo
rivista LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO
fascicolo LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2019 - 4
titolo Abusi nella Chiesa, un problema di tutti. Oltre una lettura difensiva o riduttiva
autori

editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 04-2019
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il summit che si è tenuto alla fine di febbraio con i presidenti delle Conferenze episcopali, i Superiori e le Superiore maggiori su La protezione dei minori nella Chiesa ha avuto una forte risonanza nel mondo ecclesiale e civile, segnando un punto di non ritorno sulla consapevolezza del problema degli abusi su minori nella Chiesa cattolica. Gli autori del contributo che segue, p. Amedeo Cencini (Verona), dott.ssa Anna Deodato (Milano), don Gottfried Ugolini (Bolzano), fanno parte del Servizio nazionale per la tutela dei minori della CEI e operano da molti anni  accanto alle persone vittime di violenza. Il loro intervento mira a offrire una lettura sintetica di una problematica complessa che richiede anzitutto la disponibilità a riconoscere e comprendere nella loro gravità sia i sottili e subdoli meccanismi messi in atto dagli abusanti sia le dolorose e perduranti conseguenze subite dalle vittime. Il confronto con questa realtà apre necessariamente al duplice e urgente compito di leggerne coraggiosamente le cause e interrogarsi sull’adeguatezza degli itinerari formativi dei giovani preti e religiosi. Entrambe le questioni vengono affrontate senza remore, perorando anzitutto un attento ascolto del ‘magistero delle vittime’, proponendo quindi una lettura ecclesiale della problematica – «lo scandalo di pochi è di solito la conseguenza della mediocrità di molti» – e dettagliando alcune concrete proposte formative dirette a rafforzare la grammatica della affettività e della sessualità dei giovani candidati al celibato sacerdotale.