Il tuo browser non supporta JavaScript!

Risultati della ricerca

Parola di Dio e dialogo interreligioso. Lettura dell’esortazione Verbum Domini (nn. 117-120) digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2012 - 11 | anno: 2012 | numero: 11
Anno: 2012
Il rapido e pervasivo processo della globalizzazione pone le comunità cristiane sempre più spesso in relazione con persone appartenenti a religioni diverse dal cristianesimo. Si tratta certo di un’opportunità preziosa, che tuttavia porta con sé non pochi interrogativi teologici e pastorali. In questa prospettiva si coglie l’utilità della riflessione di Matteo Nicolini-Zani, monaco della comunità ecumenica di Bose, che presenta i paragrafi dell’esortazione post-sinodale Verbum Domini dedicati al dialogo interreligioso. Il breve testo viene opportunamente inquadrato nel pensiero magisteriale conciliare e postconciliare sul tema, precisando correttamente il senso teologico del dialogo, e quindi analizzando le questioni del ‘con chi’ e ‘come’ dialogare. Il pensiero della Chiesa ricorda che il dialogo con i fedeli delle altre religioni, pur mirando a «una mutua conoscenza e un reciproco arricchimento», e auspicando la piena reciprocità, tuttavia non la può esigere come sua conditio sine qua non: «Il dialogo cristiano è fatto di amore gratuito e preveniente, che non si arresta e non si misura sul grado di risposta dell’interlocutore».
€ 4,00
Divorziati in nuova unione civile ed Eucaristia: la risposta della misericordia digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2015 - 9 | anno: 2015 | numero: 9
Anno: 2015
Per mons. José Granados (vicepreside e ordinario di Teologia dogmatica al Pontifi cio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia presso l’Università Lateranense di Roma) la disciplina tradizionale che non consente ai divorziati risposati la partecipazione all’Eucaristia va mantenuta anche nel contesto attuale...
€ 3,60
«Egli discende». Sull’ ‘eredità spirituale’ di Charles de Foucauld digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2005 - 5 | anno: 2005 | numero: 5
Anno: 2005
La spiritualità di Charles de Foucauld ha alimentato molte stagioni della vita ecclesiale, conoscendo diverse letture e modalità di attualizzazione. Il fascino della sua singolare vicenda non è certo esaurito, anzi sembra particolarmente vivo in questo tempo. Anche in vista della beatificazione del «Fratello universale» ci è sembrato opportuno proporre una riflessione sul significato che ancor oggi le sue intuizioni conservano. Don Ezio Bolis, docente di Teologia spirituale presso la Facoltà teologica di Milano, propone una sintetica disamina dei principali ambiti nei quali le intuizioni di Charles de Foucauld si rivelano sorprendentemente capaci di evocare lo stile della testimonianza cristiana oggi: «Accogliere il Vangelo nella sua nuda semplicità; evangelizzare senza la pretesa di conquistare; testimoniare Gesù nel pieno rispetto di ogni esperienza religiosa diversa; ribadire il primato della carità vissuta secondo lo stile della fraternità»; questi i principali ‘lasciti’ per l’oggi della sua ricca ‘eredità spirituale’.
€ 4,00
Matrimonio e unioni di fatto. Quali differenze? Quali riconoscimenti? digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2007 - 4 | anno: 2007 | numero: 4
Anno: 2007
Queste pagine di don Aristide Fumagalli (docente di Teologia morale al Seminario arcivescovile di Venegono) introducono alla comprensione di un tema etico-politico dibattutissimo, quello del riconoscimento giuridico delle cosiddette ‘unioni di fatto’. Il fenomeno viene anzitutto delineato nelle sue dimensioni sociali e nelle sue radici culturali. In un secondo momento viene puntualmente dato conto del dibattito sulla (non) equiparazione delle convivenze di fatto al matrimonio e sul loro eventuale riconoscimento nella legislazione italiana. La parte finale del contributo propone alcune valutazioni prospettiche utili per orientarsi in questa problematica civile di singolare rilevanza antropologica.
€ 4,00

Affina la ricerca

Pinterest