Il tuo browser non supporta JavaScript!

Rosina Barbari

Scritti dell'autore

Un futuro aperto. Vita 'consacrata', santità, mondo digital
formato: Articolo | LA RIVISTA DEL CLERO ITALIANO - 2011 - 12
Anno: 2011
La vita consacrata, segnata negli ultimi anni da cambiamenti radicali, è continuamente stimolata a rinnovare la riflessione sulla sua identità nella Chiesa e nel mondo d’oggi. Sr. Rosina Barbari, religiosa milanese delle suore domenicane di santa Caterina da Siena, offre il suo contributo nel pensare questo processo di cambiamento rivisitando due indicazioni offerte dal Concilio Vaticano II: la vocazione universale alla santità e la bontà delle realtà terrene. Le considerazioni proposte cercano di rileggere il carisma della vita religiosa alla luce delle due direttrici conciliari, condizione perché essa possa superare una diffusa immagine di scarso dinamismo e di pallida identità specifica, sovente assimilata all’opera o al ‘fare’ di una comunità, ma irrilevante su piano della testimonianza. Secondo l’Autrice la vita religiosa trova ancor oggi uno spazio proprio nel ‘luogo’ della santità ecclesiale, partecipando alla costruzione di un mondo buono anzitutto in tre luoghi di ‘inserzione’: in prima istanza tra i poveri, quindi in tutti i campi della ricerca umana aiutando a elaborare norme che guidino un progresso ‘giusto’, infine, ai margini del mondo, nella ricerca di equilibrio tra un giusto utilizzo di mezzi tecnologici e l’eccesso dell’avere. I consacrati si pongono così «dentro la vita nelle realtà dove vivono, con le persone che incontrano. La vita consacrata non può viversi a parte, con il proprio carisma, le proprie attività. C’è da stare nel mondo, disponibili a perdere l’idea di far svettare la bandiera dei propri carismi».
€ 4,00
 
Pinterest